PHI-HOTELS.EU
PRENOTA

DESTINAZIONI

Scegli la tua destinazione, scoprirai il piacere di soggiornare in Phi Hotels


Phi Hotels permette di viaggiare alla scoperta di destinazioni che offrono motivi di interesse artistico e naturalistico per una vacanza o anche solo per un weekend: per ogni destinazione c’è un hotel esclusivo, capace di offrirti un elevato livello di servizio.

Phi Hotels compiace il cliente che ama soggiornare in località balneari, in pieno centro cittadino, su colline panoramiche o presso distretti degli affari. Passeggiare nella natura, rilassarsi in una sala lettura o in un ampio e rigoglioso giardino, nuotare in piscina o al mare, presiedere incontri e riunioni di lavoro nelle sale meeting, abbandonarsi alle cure di un centro benessere: questo e tanto altro ancora propongono gli hotel del gruppo Phi.



FRANCAVILLA AL MARE, Abruzzo

Sorge sulla costa adriatica abruzzese, creando in unico grande agglomerato urbano con la città di Pescara e si estende per 8 km di spiaggia: alle sue spalle un alternarsi di dolci colline conduce ai monti della Majella e al massiccio del Gran Sasso. In virtù della varietà del paesaggio circostante, la località si presta ad essere visitata e apprezzata tutto l’anno. Per la presenza di numerosi locali, un ricco calendario di spettacoli e concerti, per l’organizzazione di attività ed eventi culturali, Francavilla al Mare è in grafo di offrire, oltre al relax, numerose occasioni di intrattenimento e svago. Nella stagione estiva, il folto programma di avvenimenti diurni e serali, sia in spiaggia che per le strade del centro, anima la città e i numerosi turisti che la popolano.

MODENA, Emilia Romagna

Al centro della val Padana, attorno alla via Emilia, dove in passato si sviluppava la città romana di cui si possono ammirare reperti e monumenti, sorge Modena, nota per l'aceto balsamico, l'opera e le vetture sportive. E’ una città a misura d'uomo, capace di affiancare il fascino della storia a creazioni moderne. Il centro storico evoca la grandezza degli Este, grazie ai quali Modena divenne Capitale di Stato dalla fine del cinquecento al 1859. Le bellezze artistiche del suo centro, unite alle specialità enogastronomiche la rendono un mix invitante per il turista. La città, vantando opere dichiarate patrimonio dell'umanità dall'UNESCO (il Duomo, la Ghirlandina e la Piazza Grande), custodisce un esteso patrimonio storico. Chi visita Modena non può non essere attratto anche dal mito dei motori Ferrari e Lamborghini.

CANNARA, Umbria

Nel cuore dell’Umbria, cinta da mura medievali, sorge al centro della pianura della Valle Umbra, di fronte ad Assisi e Spello. Nata in età romana, forse in seguito all'attività di bonifica operata dagli abitanti di Urvinum Hortense, venne a lungo contesa da Assisi e Perugia, finché il territorio entrò a far parte dei domini della Chiesa fino alla nascita del Regno d'Italia. Tenendo fede alla semplicità dei suoi albori, toccata dal passaggio emblematico di San Francesco d’Assisi a cui sono dedicati diversi edifici con alto valore simbolico, è un luogo d’elezione per il turismo culturale spirituale. Il paesaggio circostante ricco di parchi, aree protette e zone di interesse naturalistico, rende la località adatta a tour di scoperta e avventura, cimentandosi in sport come mountain bike, trekking, rafting.

MILANO, Lombardia

Da città introversa che si raccontava quasi nascosta, Milano si è trasformata negli ultimi decenni in una metropoli smart e social, con un trend del turismo in crescita. Capitale mondiale della moda, del gusto, dell’innovazione e del design è sede di eventi, spettacoli e attività che si rinnovano continuamente. Sede della Borsa Italiana, è un polo finanziario famoso anche per i ristoranti, i negozi esclusivi e la movida dei locali notturni. Il Duomo in stile gotico, il convento di Santa Maria delle Grazie, che ospita l’affresco “L’Ultima Cena” di Leonardo da Vinci, la Pinacoteca di Brera, la stagione dell’opera al “Teatro alla Scala”, testimoniano l'eredità artistica e culturale della città. L’area espositiva dell’Expo 2015, dopo il successo ottenuto, divenuta un Parco del Sapere, continua ad essere teatro di manifestazioni di grande interesse per la collettività. Non solo Capitale degli Affari, Milano si presta ad essere visitata a piedi e in biciletta, seguendo itinerari d’arte, culturali ed enogastronomici.

Gubbio, Umbria

Situata nella zona nord-orientale dell’Umbria, Gubbio è adagiata sulle pendici del monte Ingino, che domina una fertile conca pianeggiante. E’ uno dei borghi medievali più suggestivi d’Italia, meravigliosamente conservato nei secoli e ricco di capolavori architettonici che testimoniano il suo glorioso passato e tanti sono i motivi storici, culturali e religiosi per visitarlo. Gubbio è conosciuta anche come la “città dei matti”, per l’indole imprevedibile e scanzonata dei suoi abitanti; è usanza conferire la “patente di matto” a chi compie tre giri di corsa intorno alla cinquecentesca fontana omonima. I numerosi ascensori che collegano i diversi livelli della città e alla funivia che collega il centro alla Basilica di Sant’Ubaldo, regala una vista impareggiabile sulla città. La città di Gubbio è strettamente legata alla storia di san Francesco, in particolar modo all’incontro con il lupo; qui si rifugiò dopo essersi allontanato da Assisi, trovando asilo presso la famiglia degli Spadalonga e qui avvenne la sua vera conversione.

SUSEGANA, Veneto

E’ una piccola gemma incastonata tra i Colli Trevigiani, un borgo medievale con un panorama mozzafiato di filari rigogliosi di vigne a perdita d’occhio. Dalla collina con boschi, pascoli e magnifici vigneti (siamo nella zona del Prosecco DOCG) alla pianura con una campagna molto ben lavorata e coltivata, per chi ama le escursioni a contatto con la natura, c’è solo l’imbarazzo della scelta! Il Piave offre scorci meravigliosi, passeggiate rilassanti e i resti di un antico Ponte romano. E’ detta la città dei due castelli per le sue due grandi eccellenze storiche da visitare: i resti del Castello di Collalto, distrutto da Endisio I nel 1110, il più antico possedimento dei Conti di Collalto e il Castello di San Salvatore costruito nel 1323 grazie all’opera di Rambaldo VIII di Collalto e completato dal suo successore Schenella. Situata in posizione strategica lungo la Strada del Prosecco, è conosciuta tra le località più interessanti e significative della cultura del vino nel Valdobbiadene come meta di turismo enogastronomico soprattutto durante la tradizionale edizione della Primavera del Prosecco.